Andrea Luchi

NEWS

Un medico “guarisce” se stesso dalla sclerosi multipla con la dieta paleolitica (video)

Un video illuminante. Una dottoressa, ammalata di sclerosi multipla, vede migliorare i suoi sintomi drammaticamente da sembrare guarita mangiando una alimentazione paleolitica. Sarà vero? Non abbiamo tutti gli elementi per dirlo. Sicuramente la sua salute è migliorata drammaticamente. Questo video è un video di speranza. Il messaggio da portare a casa è che l’alimentazione ha conseguenze enormi sulla nostra salute: e che approfondire l’argomento può pagare grandi dividendi. Buona visione!
http://www.youtube.com/watch?v=tlqSVUTLTQw (sottotitoli in italiano!) parte prima
http://www.youtube.com/watch?v=z5g4lYmZ4gg&feature=related      parte seconda

Condividi questo articolo con i tuoi Amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

5 risposte

  1. dottore e riguardo la psoriasi e le malattie autoimmuni cosa ne pensa? nel nostro gruppo stiam provando a seguire la paleodieta con relative varianti per autoimmuni(niente rosso d’uovo, niente solanacee e frutta secca) con integrazione di omega3 e vitamina D..
    lei consiglia di fare qualche test d’intolleranza per individuare altri alimenti che potrebbero continuare a darci fastidio? molte persone dicono di essere dubbiose sulla psoriasi con:
    olio di oliva, cocco, castagne, cacao, avocado..se dovessi togliere anche questi alimenti rimarrebbe davvero poco e la paleo risulterebbe difficile da applicare..
    Vorrei capire quale test d’intolleranza può essermi d’aiuto..cè chi spinge il test ALCAT e chi il F.I.T. ELISA..lei cosa consiglia? e soprattutto, seguendo la paleo da + di 5 mesi, non cè il rischio che dai test non venga fuori nessun alimento, avendoli esclusi gia da molto tempo?
    grazie
    Gennone Timidoiracondo
    gruppo PSORIASI-FATTORI SCATENANTI: L’ALTERNATIVA NATURALE

    1. Io non credo molto ai test d’intolleranza. Credo che la cosa migliore sia quella di eliminare certi cibi per un po’ di tempo e poi provare a reinserirli e vedere come si reagisce. E’ una cosa lunga ma è l’unica strada, secondo me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito Web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.